Maria Cristina Marri e il battuage

15Apr09

[lancio di agenzia passatomi poco fa da un’amica giornalista]:


(DIRE) Bologna, 15 apr. – Una situazione di “violenza visiva
anche sui minori”. Con queste parole Maria Cristina Marri,
consigliera comunale della Tua Bologna e segretario provinciale
dell’Udc, denuncia oggi in Consiglio comunale a Bologna un caso
di prostituzione omosessuale al Navile. In via Faccioli e in via
Guarducci, spiega Marri, diversi cittadini hanno segnalato
un’attivita’ di “prostituzione omosessuale, anche in pieno
giorno. E’ una situazione inaccettabile- protesta in aula Marri-
perche’ visibile a qualsiasi ora del giorno e da qualsiasi
persona. E’ una violenza visiva, anche sui minori”. Dopo aver
segnalato il caso in Consiglio comunale, aggiunge Marri,
“informero’ gli assessori competenti del Comune e chiedero’
l’intervento di Questura e Prefettura”.

18:11 15-04-09

Credo che Maria Cristina Marri abbia passeggiato poco lungo quelle vie. Io le ho percorse in lungo e in largo, e ho potuto scambiare qualche saluto con amici incontrati per caso. Con alcuni mi sono anche fermato a bere un caffè. Eppure, nonostante io sia dichiaratamente gay, nessuno di loro mi ha fatto proposte di carattere economico. Le persone omosessuali hanno sviluppato nei millenni un’attitudine affinché sia possibile incontrarsi e riconoscersi in qualsiasi posto, metropolitano o provinciale. In alcuni casi, per tradizione, esistono luoghi appartati in cui incontrarsi, così come esistono analoghi luoghi specializzati nello scambio di coppie eterosessuali; ma tutto questo avviene lontano dagli occhi sia della consigliera Marri che dei suoi bambini. Non si tratta di prostituzione. E laddove dovessero esserci scambi di denaro nei rapporti interpersonali in corso, non capisco come tutto questo possa turbare il “buon costume”: sfido chiunque a parlare di decoro, indecenza o di oscenità nei luoghi in cui le persone omosessuali si incontrano. Le affermazioni diffamanti della Marri riconducono inevitabilmente alla morbosità propria della cultura politica cui appartiene, capace di affrontare la questione solo con precetti e imperativi come quello di far dormire i propri figli con le mani fuori dalle lenzuola per evitare il contatto col proprio sesso. Se la Marri vuole conoscere meglio il mercato dello scambio di sesso omosessuale per soldi, ha sbagliato indirizzo. Ma se non riuscisse a frenare la morbosa curiosità, sarò lieto di indicarle anche i luoghi più reconditi dove bravi padri di famiglia sono soliti consumare il proprio vizio lontano da sguardi indiscreti. Quello che accade alla luce del sole non puo’ essere ricacciato nell’ombra per puro bigottismo. La Marri se ne faccia una ragione.

Bruno Pompa

Annunci


2 Responses to “Maria Cristina Marri e il battuage”

  1. adorabile lei, convinta di essere la moglie del buon pastore in un quadro gothicamerican.
    adorabile.

  2. 2 Brandy

    La sig.ra Maria Cristina Marri rappresenta l’embelama dell’ipocrisia Cattolica, la politica del «Si fa, ma non si dice». Il «Muro di Berlino» e’ caduto 20 anni fa, a quando il crollo di S.Pietro? Brandy


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: